Uncategorized

Non siamo in un film di Fantozzi

ImmagineI sermoni di Marchionne hanno rotto i coglioni, scusate il francesismo. L’ad Fiat indica la via d’uscita dalla crisi per l’Italia attaccando il “diritto al posto fisso, al salario garantito, al lavoro sotto casa“. Io, caro Marchionne, ho lasciato un contratto a tempo indeterminato per imbarcarmi in un’avventura strana e altilenante, prendo forse meno che se avessi seguito il “mestiere del padre”, e mi alzo ogni santa mattina alle 5.40.

Sono uno, e pur essendo grosso valgo per uno (cit.), ma la realtà è che come me sono tanti. Ma la vostra idea di un paese pigro, seduto e piagnone, corrisponde forse all’idea di un’Italia impiegatizia da film di Fantozzi. Di due generazioni fa. Con la Contessa Serbelloni Mazzanti Viendalmare, la fuga dalle scrivanie al suono della sirena delle 5 e i weekend a Chamonix o alle terme di Chianciano pagati dalla mutua.

La mia generazione, per lo più, mangia la polvere, vive sulle macerie di una promessa spezzata (vivrai una vita migliore di quella dei tuoi genitori), ed ogni giorni si alza e si fa il culo per farsi strada, senza un briciolo di certezza.

Anzi, una: la Fiat non fa più macchine decenti dal ’55.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...