Uncategorized

Sognare la fine del mondo (un post a-politico)

Stanotte ho sognato la fine del mondo. Ma non era una visione apocalittica con sangue e attacchi alieni. No, tutti semplicemente sapevano che ad una certo ora saremmo scomparsi e con noi le case, le strade, gli alberi e gli animali. Le strade erano silenziose. Passava pure il camion di Sienambiente che scaricava i cassonetti. Chissà perché, se poi si sparisce.
Nessun panico. Nessun allarme.

Si preparavano tutti, con calma a passare le ultime ore. Come dovessero addormentarsi, o partire per le vacanze, e io non mi davo pace di questo buonumore, di questa consapevolezza.

In questa pace senza senso non riuscivo a trovarti. Passavo a casa degli amici, nessuno ti aveva vista. Mentre gli altri si mettevano il pigiama, passavano le ultime ore in veranda a chiacchierare, o spazzavano i cortili, io continuavo a cercarti.

Per fortuna mi sono svegliato, prima che il panico fosse insopportabile. E mi sono riaddormentato felice, come quando ti accorgi che è solo uno strano sogno. Ho pensato che, forse, in quella strana fine del mondo, eri l’unica ad esserti salvata.

Stamattina, quando te l’ho raccontato, mi hai detto che sono troppo stressato.
Dev’essere, in fondo, così.

(…but I feel fine)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...