Uncategorized

Contro le sale vuote (l’ennesima stronzata che gira in rete)

Immagine

Mi hanno fatto vedere che gira su facebook l’ennesima disinformazione in salsa grillina sui costi della politica.

In una di quelle infografiche tremende (ma un tocco di Photoshop, mai?), si dice, in pratica, che “attenzione! la Kasta ti inganna! è vero che verranno abolite le province, ma verranno rimessi decine di migliaia di consiglieri comunali con chissà quale spreco delle risorse pubbliche!” Io non so se è ignoranza o malizia, e quale sarebbe la cosa peggiore, se cioè sono solo scemi oppure prendono in giro le persone. Temo un mix letale.

Se si legge la norma (ma basta un articoletto di sintesi in ogni quotidiano normale del regno) si capisce che si tratta di aumentare i consiglieri comunali e gli assessori nei comuni sotto i 10.000 abitanti a SALDO ZERO per le casse dello stato.

Cioè, il mio rimborsino-presenze di 150 euro all’anno (che comunque non percepisco per scelta, proprio contro quei tagli alla democrazia voluti del trio belrusconi-tremonti-calderoli, al quale ora forse si rimedia) verrebbe in futuro spalmato sugli altri consiglieri. Nel mio piccolo comune, dopo i tagli, adesso siamo 5 consiglieri di maggioranza, 2 di opposizione. Potremmo fare i consigli comunali in una Fiat Multipla, per intendersi.

L’equazione, la riscrivo, è semplice: più consiglieri comunali e assessori nei piccoli comuni, quindi più partecipazione, allo stesso costo di ora.

Che poi capisco gli sperchi tremendi e i privilegi, ma a forza di considerare la democrazia solo come un costo, prima o poi a qualcuno verrà in mente che si risparmia molto di più con la dittatura (intanto, si è scelto la tecnocrazia).

Quello che si ristabilisce, aumentando il numero degli eletti nei piccoli centri, è un principio sacrosanto di aumentare la partecipazione nelle istituzioni. Così non ce ne staremmo con una sala consiliare mezza vuota che mette tristezza, e forse più persone si occuperebbero della propria comunità (sia in maggioranza, che all’opposizione), così uno si potrebbe rendere conto che non è così  diabolico darsi da fare da dentro, ma anzi che è un po’ più complicato, faticoso e -ogni tanto- gratificante che far girellare stronzate via facebook.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...